Trekking da Cala Fuili (Cala Gonone) a Pedra Longa (Baunei)

Trekking itinerante in sei tappe

Questo itinerario si sviluppa lungo la costa da nord verso sud, esattamente in senso contrario al suo “gemello” Selvaggio Blu, rispetto al quale corre parallelo, toccando le stesse tappe .

Non presenta difficoltà di tipo alpinistico, ed è quindi adatto a tutti.

Si pernotta in tenda, presso ovili e strutture ricettive. Tra i servizi è compreso il trasporto dei bagagli pesanti. I pasti sono sempre a base di prodotti freschi locali, variando quindi in base alla disponibilità e alla stagione.

Tra le tappe  ricordiamo Cala Luna e Cala Sisine, per raggiungere le quali ci si sposta continuamente tra picchi di bianco calcare e il verde della macchia mediterranea nell’isolamento più completo, visitando gli antichi ovili dei pastori Baunesi che si conservano ancora in buone condizioni.

Dopo aver attraversato la Codula di Cala Sisine, racchiusa tra alte pareti, il paesaggio diventa meno aspro e selvaggio e inizia un sentiero che sovrasta Bacu Mudaloru e lungo il quale si può ammirare buona parte del Golfo di Orosei; procedendo si raggiunge l’Altopiano di Golgo, un’ampia vallata di origine vulcanica definita un libro archeologico a cielo aperto. Al centro della zona vulcanica sorge la Chiesa di San Pietro e Paolo, un bell’esempio di stile aragonese risalente al XVI secolo, davanti alla Chiesa possiamo ammirare un betilo antropomorfo di epoca nuragica unico nel suo genere, ma la presenza dell’uomo nell’antichità è testimoniata dai numerosi nuraghi e villaggi nuragici che dominano la vallata.Un  sentiero recentemente ripristinato che parte proprio dal  Rifugio permette di  visitare un ovile tipico Baunese con  annessi  “sa  corte”  e  “su  accile”,  uno scalone di  ginepro (anche questo tipico del territorio), la Faccia Litica, una  roccia scolpita con le sembianze di  un viso umano, la Voragine di Su Sterriggeddu ed infine il Nuraghe Albo. La più conosciuta attrazione di Golgo è la Voragine Su Sterru un inghiottitoio a campata unica profondo 290 mt unico nel suo genere in Europa.

Partendo per Cala Goloritzè percorriamo un sentiero che passa per il punto panoramico di Serra Salinas, che si affaccia a picco sulla splendida Cala da un’altezza di 500 mt, dopo avere ammirato il panorama scendiamo fino alla spiaggia, dominata dall’arco di roccia sul mare e dalla splendida Guglia (150 mt), della quale è possibile raggiungere la cima in arrampicata libera.

Non meno suggestive sono le insenature di Portu Cuau e Portu Pedrosu, incastonate tra la montagna e il mare, e lo splendido panorama costiero che si gode da Us Piggius, mentre si scende verso la Guglia di Pedra Longa.